Le quattro porte artistiche sono situate in diverse punti strategici del centro storico.

LA PORTA DELL’UOMO – Piazza Italia

E’ stata realizzata da Carlo d’Oria, nativo di Torino, diplomato all’Accademia delle Belle Arti di Torino.  La sua scultura ad arco si interseca con il pavimento, con la presenza di figure umane che vi camminano all’interno.  L’opera è stata realizzata in bronzo tramite una fusione a cera persa presso la Fonderia Artistica De Carli di Volvera (TO).

LA PORTA DEL FUOCO – Piazza Addolorata

Progettata da Giovanni Crippa, nato ad Omegna, ceramista e scultore, vive e lavora sulle colline che circondano il Lago d’Orta. La scultura si presenta come un portale, largo circa 2.50 metri per 3.50 di altezza, costituito da due colonne in ceramica di forma ottagonale,  sormontate da capitelli modellati con figure astratte e collegate da un arco in acciaio inox.  Nelle colonne, gli elementi aria ed acqua si combinano generando un movimento elicoidale.

LA PORTA DELL’ACQUA – Piazza Levi 

Una scultura realizzata da Mario Gallina, artista di Torino, città dove vive e lavora.  Gallina è docente di figura-ornato modellato presso il Liceo artistico Contini di Torino, espone dal 1966 in Italia e all’estero.

LA PORTA DEL SOLE – Piazza San Francesco 

Realizzata da Giusi Bassani, diplomata all’Accademia di Brera di Milano, vice e lavora tra Milano e Maccagno (VA). La porta di notevoli dimensioni, 3.80 metri di altezza per 2.75 di larghezza- è formata da due plinti verticali e uno orizzontale a sezione quadrata di 50 centimetri di lato di cemento armato. Un materiale opaco che contrasta la luce, l’eleganza e la raffinatezza di interventi decorativi costituiti dalle tessere di alluminio e dai cristalli Swarovski.  L’idea progettuale della porta del sole è stata quella di integrare l’antico con il moderno, che si avvicina alla gente e viene vissuta entrando a far parte della quotidianità.

 

 

Questo contenuto è disponibile in: Inglese